Pians

Pians e Quadratsch costituiscono il comune di Pians, situato lungo la strada che porta alla regione dell’Arlberg.

Altitudine: 856 m s.l.m.

Il toponimo di Pians deriva dal latino “pedaneus” che significa ponte. Nel Medioevo numerosi carrozzai e sellai si fermarono a Pians e nel XIX secolo si iniziò con la costruzione della ferrovia dell’Arlberg, la quale però oggi qui non è più in uso. Il produttore di speck e di salumi Handl Tyrol ha la sua sede a Pians!

Il territorio comunale si espande fino ai pendii del monte Parseierspitze, il quale rappresenta con 3.036 m s.l.m. la cima più alta delle Alpi di Lechtal. Piacevoli escursioni attraverso lo stupendo paesaggio alpino caratterizzano quindi anche l’offerta sportiva dell’estate a Pians. Un’amata meta rappresenta il rifugio Ascher, situato nel cuore del gruppo montuoso Samnaun, il quale è raggiungibile dal vicino paese See per la valle Schallertal in ca. 4 ore. Questo rifugio aperto in alta stagione festeggiò già nel 1996 il suo 100esimo giubileo. Ed anche il sentiero didattico artistico “Mathias-Schmid” è una frequentata meta e ci ricorda il famoso artista, nato nel 1839.

Notevole in questo piccola località vacanziera è la cappella Santa Margherita che troneggia poco sopra il bordo del paese. Venne costruita nel XIV secolo in stile gotico e poi nel XV secolo ornata con bellissimi affreschi. L’altare risale invece al XVII secolo e venne costruito dallo scultore Michael Lechleitner proveniente dal vicino paese Grins. Una delle insegne di S. Margherita è il drago rosso, il quale è ritratto anche nello stemma del comune. Il drago è posto sotto l’arcata del vecchio ponte che passa sopra il fiume Sanna. D’inverno si trova nelle vicinanze di Pians l’area sciistica Medrigalm, la quale vi porta ad un’altitudine di 2.450 m. 30 km di piste offrono varietà agli sciatori e snowboarder. Un affascinante panorama sulle montagne che vi circondano é compreso!

Un nostro consiglio: vale la pena intraprendere un’escursione alla cascata Schallerbach nel vicino paese See. Sicuramente un rinfresco nei giorni caldi d’estate! D’inverno invece, il sentiero che porta alla cascata, si trasforma in una lunga pista naturale per slittini.