Strengen Sommer
Strengen Sommer

Strengen

Strengen è situato all’ingresso della valle di Stanz, lungo l’antica strada Romana all’Arlberg.

Altitudine: 1.029 m s.l.m.

Il comune di Strengen è composto da vari borghi, i quali si trovano sparsi sui pendii e sulle colline della zona. Casette bavaresi in legno ed edifici in muratura romana caratterizzano il centro del paese. Già nel 1000 d. C. venne fondato il paese “Rallsberg”. Nel 1774 il paese “Gstreng”, come veniva chiamato allora, veniva descritto nell’Atlas Tyrolensis da Peter Anich.

Anche Strengen vi aspetta, come tutte le località della valle di Stanz, con varie attrazioni, tra le quali un ponte coperto in legno che attraversa il fiume Rosanna con una lunghezza di 18 metri. Una visita merita anche la cappella Madonna dell’Aiuto (Maria Hilf), presso la quale nel 1871 si sono svolte due miracolose guarigioni, come anche le ulteriori quattro cappelle del comune. La cappella S. Anna fu costruita dagli abitanti del borgo Hof, mentre la cappella Magnus, risalente al 1760, sostituì un piccolo pilone votivo situato sul posto. La cappella della Sacra Famiglia (Heilige Familie), con un’immagine della stessa, fu costruita originariamente in lengo, l’origine della cappella Stopferkreuz invece non è rintracciabile.

Direttamente al paese è collegata una fitta rete di sentieri escursionistici e di MTB-trails, i quali tra l’altro vi portano alla malga Dawin Alpe, dove potrete gustare un buon bicchiere di latte fresco. Chi si avventura presso questa malga, con partenza presso il borgo Obweg a 1.400 m s.l.m., dovrà superare 8 km con un dislivello di 450 metri. Per varietà provvede un’escursione alle famose località turistiche St. Anton am Arlberg, distante solo 15 km, come anche la piccola città Landeck a 10 km di distanza. D’inverno il paese vi offre la pista per slittini Strengen, lunga 1 km, e la possibilità di intraprendere vari tour di sci alpinismo.

Un nostro consiglio: a proposito della malga Dawin Alpe si racconta una leggenda! Presso l’area della malga crescevano durante l’estate fiori bianchi, chiamati “Misere”, grazie alle quali le mucche davano ancora più latte. I malgari divennero sfrenati e sperperarono il prezioso latte, ed i contadini ricevettero di seguito meno burro e formaggio. All’improvviso apparì un piccolo folletto che punì i malgari per il loro spreco e fece quindi crescere questa pianta solo durante i mesi invernali…

Suggerisci una modifica/correzione

La nostra redazione è sempre impegnata per garantire la massima qualità ed accuratezza delle informazioni che pubblichiamo. Se hai suggerimenti per migliorare questa pagina puoi inviarceli utilizzando il modulo qui sotto. Grazie in anticipo!

Chiudere
Suggerimenti ed ulteriori informazioni